Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Fotografie e reportage di musei, monumenti, cimiteri di guerra, mostre o esposizioni
Rispondi
Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » mer apr 04, 2018 5:14 pm

Salve ragazzi, come promesso vi posto il reportage fatto lo scorso giugno ad Auschwitz e Birkenau,
per comodità e per non acumulare troppe foto i un solo topic dividerò i due campi in due differenti post.

Presentare questo reportage non è facile data l'intensità della visita e non lo farò personalmente, mi affido ai fatti storici riportati online.

Ubicazione e storia
Il complesso concentrazionario di Auschwitz è costituito dai Lager principali di: Auschwitz 1, Auschwitz 2 – Birkenau, Auschwitz 3 – Monowice, installati in tempi diversi.
I campi dipendenti dal complesso di Auschwitz sono 50. Nel complesso di Auschwitz sono state immatricolate circa 405.000 persone, di cui 132.000 donne. Molte migliaia di altri deportati non furono immatricolati, quindi è molto difficile conoscere il numero reale delle persone qui deportate, tra le quali vi furono anche migliaia di bambini. La cifra dei morti oscilla fra 1.000.000 ed un 1.500.000 circa. Il Lager di Auschwitz 1 è stato istituito nell’aprile del 1940 ed è stato liberato il 27 gennaio 1945 dall’esercito
dell’Armata Rossa. Dopo l’occupazione della Polonia avvenuta nel settembre del 1939, alla fine di aprile del 1940 i nazisti trasformarono in Lager gli edifici opportunamente ristrutturati dell’ex caserma asburgica di Oswiecim (Auschwitz in tedesco), centro polacco sito 60 km a sud-ovest di Cracovia, nella regione della Alta Slesia, annessa al Terzo Reich.
Nell’arco degli anni di funzionamento del Lager molteplici sono stati gli interventi di ampliamento della struttura e le modifiche nell’utilizzo schiavistico dei deportati: ampliamento del campo, bonifica e costruzione dei Lager, sfruttamento agricolo del territorio, allevamenti di animali, lavoro nelle cave, nelle miniere, nelle officine, nell’industria chimica e bellica.
Qui furono avviate le procedure per la gassazione di massa attraverso lo Zyklon B e a partire dal 1943 iniziarono diversi esperimenti pseudo scientifici di sterilizzazione, fecondazione artificiale e di tipo farmacologico eseguiti su deportate e deportati utilizzati come cavie.

Il complesso dei campi di Auschwitz, il più grande mai realizzato dal nazismo, svolse un ruolo fondamentale nel progetto di "soluzione finale della questione ebraica" – eufemismo con il quale i nazisti indicarono lo sterminio degli ebrei (nel campo, tuttavia, trovarono la morte anche molte altre categorie di internati) – divenendo rapidamente il più efficiente centro di sterminio della Germania nazista. Auschwitz, nell'immaginario collettivo, è diventato il simbolo universale del lager, nonché sinonimo di "fabbrica della morte", realizzato nel cuore dell'Europa orientale del XX secolo.

Nel 1947 il parlamento polacco deliberò la creazione di un memoriale-museo che comprese l'area di Auschwitz I e Auschwitz II. Nel 1979 il sito venne dichiarato patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. La denominazione iniziale Auschwitz Concentration Camp verrà ufficialmente cambiata in Auschwitz Birkenau - German Nazi Concentration and Extermination Camp (1940-1945) nel 2007, su richiesta della Polonia.

Facevano parte del complesso tre campi principali e 45 sottocampi. L'area di interesse del campo (Interessengebiet), con sempre nuove espropriazioni forzate e demolizioni delle proprietà degli abitanti residenti, arrivò a ricoprire, dal dicembre 1941, la superficie complessiva di circa 40 chilometri quadrati. All'interno di questa superficie avevano sede anche alcune aziende modello, agricole e di allevamento, volute personalmente da Hitler, nelle quali i deportati venivano sfruttati come schiavi.

Auschwitz I
Era un Konzentrationslager (campo di concentramento). Fu reso operativo dal 14 giugno 1940, ed era centro amministrativo dell'intero complesso. Il numero di prigionieri rinchiusi costantemente in questo campo fluttuò tra le 15 000 e le oltre 20 000 unità. Qui furono uccise, nella camera a gas ricavata nell'obitorio del crematorio 1, o morirono a causa delle impossibili condizioni di lavoro, di esecuzioni, per percosse, torture, malattie, fame, criminali esperimenti medici, circa 70 000 persone, per lo più intellettuali polacchi e prigionieri di guerra sovietici. Nei sotterranei del Block 11 di Auschwitz, la prigione del campo, il 3 settembre 1941 venne sperimentato per la prima volta dal vicecomandante del campo Karl Fritzsch, per l'uccisione di 850 prigionieri, il gas Zyklon B, normalmente usato come antiparassitario, poi impiegato su vasta scala per il genocidio ebraico.

La funzione di Auschwitz

Auschwitz, che servì come centro amministrativo per l'intero complesso, fu fondato il 20 maggio 1940 convertendo delle vecchie caserme dell'esercito polacco in un campo di concentramento e campo di lavoro. Un gruppo di 728 prigionieri politici polacchi provenienti da Tarnów furono i primi deportati ad Auschwitz il 14 giugno 1940 e lavorarono come manovali al riadattamento delle caserme, danneggiate dai bombardamenti e alla costruzione delle recinzioni perimetrali.

Inizialmente gli internati furono intellettuali e membri della resistenza polacca; più tardi vi furono deportati anche prigionieri di guerra sovietici, criminali comuni tedeschi, prigionieri politici ed "elementi asociali" come mendicanti, prostitute, omosessuali, testimoni di Geova ed ebrei. Normalmente vi erano detenute dalle 13.000 alle 16.000 persone ma nel 1942 si raggiunse la cifra di 20.000 detenuti.

Sopra il cancello di ingresso si trovava la cinica scritta Arbeit macht frei (il lavoro rende liberi). Sembra che la scritta fosse stata ideata dall'SS-Sturmbannführer Rudolf Höss, primo comandante responsabile del campo e sembra anche che il fabbro che costruì la scritta, un dissidente politico polacco di nome Jan Liwackz, detenuto con numero di matricola 1010, l'avesse fatta saldando la lettera "B" al contrario come segno di protesta, in quanto conscio di quale sarebbe stata la vera funzione del campo di Auschwitz; questo gesto gli sarebbe potuto costare la vita. A tal proposito, sembra che lo stesso fabbro, sopravvissuto all'Olocausto, quando il campo fu liberato dall'Armata Rossa, chiese di riavere l'insegna in quanto, essendo stata realizzata da lui, "gli apparteneva", cosa che non avvenne dato che, ormai, la scritta apparteneva alla storia. I prigionieri che lasciavano il campo per recarsi al lavoro, o che vi rientravano, erano costretti a sfilare sotto questo cancello, accompagnati dal suono di marce marziali eseguite da un'orchestra di deportati appositamente costituita. Contrariamente a quanto rappresentato in alcuni film, la maggior parte dei prigionieri ebrei non era detenuta nel campo di Auschwitz e quindi non passava per questo cancello.

Le SS selezionarono alcuni prigionieri, spesso criminali comuni di origine tedesca o ariana (e quindi appartenenti alla "razza superiore"), come supervisori per gli altri detenuti. Tali supervisori, chiamati Kapo, si macchiarono, nella maggior parte dei casi, di orrendi crimini abusando del proprio potere e divenendo così complici dei propri carnefici.

Gli internati vivevano in baracche chiamate Block dotate di letti a castello a tre piani di tipo militare; le condizioni di sovraffollamento delle baracche, spesso utilizzate al doppio della capienza massima, costringevano i prigionieri a dividere un pagliericcio in due o più favorendo la trasmissione di parassiti e germi, che aumentavano le già elevate possibilità di infezioni e malattie.

Gli ebrei, nella scala sociale del campo, erano all'ultimo posto e ricevevano il peggior trattamento. Tutti gli internati avevano l'obbligo di lavorare (quelli inabili al lavoro venivano invece uccisi subito, appena arrivati nel campo); gli orari variavano a seconda delle stagioni ma si assestavano su di una media di 10-11 ore di lavoro giornaliero. Una domenica ogni due, tranne per chi lavorava presso aziende belliche che funzionavano a ciclo continuo, era considerata giorno festivo e dedita ai lavori di pulizia e manutenzione del campo e all'igiene personale dei detenuti. Le disumane condizioni di lavoro, le scarse razioni di cibo e le condizioni igieniche pressoché inesistenti portavano rapidamente i detenuti alla morte.
FONTE WIKIPEDIA
Iniziamo la visita.
1.1.jpg
Il biglietto bisogna necessariamente acquistarlo alcune settimane prima della visita

1a.jpg
Questo era l’accesso alla zona del Lager dove si trovavano i blocchi dei deportati.
1b.jpg
Il famoso ingresso del campo dove è visibile una copia della scritta " ARBEIT MACHT FREI " dal tedesco: 'Il lavoro rende liberi'
era il motto posto all'ingresso di numerosi campi di concentramento nazisti durante la seconda guerra mondiale.
La frase è tratta dal titolo di un romanzo del 1872 dello scrittore tedesco Lorenz Diefenbach, e venne usata per la prima volta a Dachau, nel 1933,
Flossenbürg, Gross-Rosen, Sachsenhausen, e al ghetto-campo di Terezin. Si tratta di un messaggio “rieducativo”, simile ad altre scritte
che comparivano in diversi edifici dei Lager; al contempo il motto contiene un aspetto paradossale, poiché il
lavoro forzato dei deportati nei campi di concentramento è in pieno contrasto con il concetto di lavoro che
realizza e libera l’uomo.Da questa postazione si ha modo di osservare il complesso sistema di controllo della zona dei deportati,
delimitata da doppio reticolato elettrificato con camminamento di ronda, torrette di guardia e su alcuni lati
muro di recinzione. Poche guardie riuscivano a controllare le migliaia di deportati presenti quotidianamente nel Lager.

2.jpg
3.jpg
4.jpg

6 Blocco 5: sezione “Material proofs of crimes” (Prove materiali dei crimini)
Gli oggetti qui esposti sono una parte di quelli sottratti ai deportati al momento del loro ingresso nel
complesso concentrazionario di Auschwitz, durante la procedura della spoliazione.
Oltre a rimanere nudi, la spoliazione comportava infatti di lasciare tutto quanto si aveva con sé al momento dell’ingresso al Lager.
Attraverso i materiali esposti si possono individuare alcune tipologie di oggetti sottratti ai deportati: lucidi da
scarpe, spazzole spazzolini e pennelli, contenitori per cibi, calzature, protesi ortopediche, occhiali, valigie.
Anche i bambini venivano sottoposti a questa procedura, come si rileva dalla presenza di vestiti e calzature di infanti.
5.jpg
6.jpg
6b.jpg
7.jpg
continua..
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » mer apr 04, 2018 5:22 pm

8.jpg
9.jpg
10.jpg
11.jpg
12.jpg
13.jpg
14.jpg
15.jpg
16.jpg
dalla rete..
17.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » mer apr 04, 2018 5:32 pm

In una stanza si trova una grande vetrina con 7 tonnellate di capelli soprattutto tagliati alle deportate, che venivano
mandati alle industrie tessili tedesche per la produzione di filati. Esposti vi sono anche i rotoli di tessuto fatto
con i capelli.

dalla rete, non ho avuto il coraggio di fotografarli..
18.jpg
dalla rete..
19.jpg
20.jpg
21.jpg
all'interno della recinzione elettrificata

23.jpg
la mappa che mostra da dove arrivavano i convogli

24.jpg
un'urna contenente le ceneri delle vittime della shoah

25.jpg
foto dell'epoca..
26.jpg
27.jpg
28.jpg
continua..
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » mer apr 04, 2018 5:40 pm

continuiamo..
29.jpg
30.jpg
una mappa del campo
31.jpg
Inizialmente tutti i prigionieri venivano fotografati/schedati..
32.jpg
7 Blocco 6: sezione “Prisoners life” (La vita del deportato)
Molti materiali presenti in questo blocco si riferiscono alle procedure d’ingresso dell’immatricolazione e della
vestizione.
Tra i materiali presenti in questo blocco poni l’attenzione sulle fotografie dei deportati che si riferiscono al
momento dell’immatricolazione, ossia alla registrazione all’arrivo nel Lager.
Ai deportati veniva anche assegnato un triangolo, di cui puoi trovare in una delle sale la carta relativa.
Si ritiene che a partire dal 1937 le SS introdussero nel sistema concentrazionario la classificazione dei
deportati in base al motivo della deportazione. Veniva assegnato a ciascun deportato un triangolo di colore
diverso:
Giallo costituito da due triangoli sovrapposti a formare la stella di david per gli ebrei
Verde per i criminali comuni
Viola per i Testimoni di Geova
Marrone per gli zingari
Nero per gli asociali
Rosa per gli omosessuali
Rosso per i politici con all’interno la sigla della nazionalità. Per esempio nel triangolo degli italiani c’era la “I”o “IT”.
Unitamente al triangolo veniva assegnato ai deportati un numero di matricola, che diventava lo strumento di
identificazione al posto del nome proprio. Il numero era impresso su due strisce di stoffa che dovevano
essere cucite sul lato sinistro della giacca e sul lato destro dei pantaloni.
Nel complesso concentrazionario di Auschwitz il numero veniva anche tatuato sull’avambraccio sinistro.
Osserva in una delle teche l’inchiostro e lo stilo utilizzati per compiere questa operazione.
Numero e triangolo permettevano di cogliere immediatamente qual’era il motivo per cui si era stati deportati
e al contempo di sapere se si era “vecchi” o “nuovi” del campo, a secondo che il numero fosse basso o alto.
In una stanza si possono osservare diverse tipologie di abiti che venivano assegnati ai deportati.
Il vestito del Lager era prevalentemente la “zebrata”, un abito a righe grigio-azzurre di materiale povero,
costituito da casacca e pantaloni nel caso di uomini e da un camicione per le donne; ai piedi i deportati
indossavano solitamente “zoccoli” in legno.
Gli abiti e i vestiti erano logori ed erano consegnati ai deportati casualmente, senza badare alla taglia e alle
caratteristiche fisiche dei singoli. I vestiti indossati da ogni deportato erano sempre gli stessi,
indipendentemente dalle condizioni atmosferiche.
33.jpg
34.jpg
35.jpg
35b.jpg
36.jpg
37.jpg
continua..
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » mer apr 04, 2018 6:12 pm

Al piano superiore del blocco 4 i materiali esposti si riferiscono all’eliminazione di massa che nel Lager
avveniva per mezzo del grande sistema delle camere a gas con l’utilizzo dello Zyklon B come elemento per
la gassazione, e dei forni crematori per l’eliminazione dei cadaveri.
38.jpg

Blocco 11 - Bunker
Era il cosiddetto “blocco della morte” ovvero la prigione del Lager o Bunker. Costituiva un luogo destinato
alla punizione e all’annientamento diretto dei deportati.
In questo edificio si trova l’ufficio della Gestapo, dove venivano effettuati gli interrogatori e i processi ad
alcune categorie di deportati.
In fondo al corridoio si può osservare anche una delle forche mobili usate ad Auschwitz 1.
Nello scantinato del Bunker si trovano invece le celle.
Qui il 3 settembre 1941 per la prima volta è stato utilizzato lo Zyklon B per la gassazione di 600 prigionieri
militari sovietici e 250 deportati politici polacchi ammalati. Avvenne così la prima eliminazione di massa
attraverso l’uso dello Zyklon B. Nella cella 18 fu ucciso padre Massimiliano Kolbe.
Nella cella 20 la morte avveniva per mancanza di aria.
Nella cella n. 22 si trovano 3 microcelle, chiamate “il canile”, in cui i deportati per punizione dovevano stare
in piedi, senza aria e senza luce.
39.jpg

Il blocco n. 21 era il reparto chirurgico del cosiddetto ospedale per i deportati.
Qui furono avviate le procedure per la gassazione di massa attraverso lo Zyklon B e a partire dal 1943
iniziarono diversi esperimenti pseudo scientifici di sterilizzazione, fecondazione artificiale e di tipo
farmacologico eseguiti su deportate e deportati utilizzati come cavie, indovinate chi ci lavorava?
Josef Mengele

40.jpg
41.jpg
42.jpg
43.jpg
Krema 1
Un terrapieno che nasconde un altro edificio, il deposito di munizioni della ex caserma; con l’apertura del Lager in una stanza vennero
installati due forni crematori che funzionarono fino al 1943, mentre l’ampio locale venne adibito a obitorio e
successivamente a camera a gas che funzionò per un anno, dall’autunno del 1941 all’autunno del 1942.
Queste funzioni poi vennero trasferite al Lager di Auschwitz 2 – Birkenau.
44.jpg
La camera a Gas ( the Gas chamber )
45.jpg
I due forni crematori..
46.jpg
47.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di SergioV il mer apr 04, 2018 6:23 pm, modificato 1 volta in totale.
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » mer apr 04, 2018 6:17 pm

la visita al campo di sterminio di Auschwitz termina qui, Birkenau lo visitiamo in un altro thread nei prossimi giorni..
48.jpg
49.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

komsomol
Moderatore
Messaggi: 1389
Iscritto il: 18 mar 2014

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da komsomol » mer apr 04, 2018 8:16 pm

Thanks a lot for this stunning report.

Some pictures, even with the distance and distortion coming from viewing with a computer screen, grasped my guts...

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » gio apr 05, 2018 11:30 am

komsomol ha scritto:Thanks a lot for this stunning report.

Some pictures, even with the distance and distortion coming from viewing with a computer screen, grasped my guts...
Thank you Seb, IMHO this is a kind of place that should be visited by everybody at least once in a life time,
yes this visit creates deep sadness and the artefacts added gravity to the situation and you can’t help
but notice a sinking feeling in the pit of your stomach..
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
airfix
Moderatore
Messaggi: 1308
Iscritto il: 29 set 2011
Località: roma

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da airfix » gio apr 05, 2018 12:03 pm

Grazie Sergio, del lavoro e delle splendide foto. [257

Avatar utente
SergioV
Messaggi: 2273
Iscritto il: 24 ago 2013
Località: Sofia
Contatta:

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da SergioV » gio apr 05, 2018 9:34 pm

airfix ha scritto:Grazie Sergio, del lavoro e delle splendide foto. [257
Grazie a te per l'apprezzamento Marco [264
Кто к нам с мечом придет тот от меча и погибнет

Avatar utente
GC*
Moderatore
Messaggi: 2251
Iscritto il: 22 set 2012

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da GC* » mer apr 18, 2018 10:37 am

Un reportage spettacolare ed estremamente toccante. Grazie mille!

Avatar utente
Dom
Messaggi: 1204
Iscritto il: 25 feb 2011

Re: Polonia - Campo di concentramento di Auschwitz

Messaggio da Dom » mar mag 29, 2018 4:43 pm

Thank you Sergio very beautiful pictures of a sinister place in the memory of men. :cry:

Rispondi